Home is where the heart is

This article is also translated in Italian at the bottom (versione italiana in fondo).

Prologue:

This post was written in order to be published on another blog; I was a guest blogger on it until a few days ago. It was never green lit, probably because the targeted audience of such a post is certainly different from the one aimed at on the other blog. To each his own…. Even in matters of immigration I like to offer a different perspective from the usual ones you can read online. I’m not afraid to say that many modern Italian migrants like to think of themselves as they were forced to leave and they express their frustration in such a situation. I can understand their point of view but I don’t share it. I wouldn’t have stayed anyway. My identity and ideas were different from the start and I just didn’t fit in. Perhaps, I don’t fit in ‘that crowd’ even nowadays and that is why this article always remained a draft. I now publish it myself, after having removed tweaks and references to the other blog for copyright reasons. Enjoy.

* * * *

Many Italian expats endlessly share their opinions about feeling homesick and eventually returning to Italy. To the point of ridiculous and whiney drama…..  However, quoting the movie ‘Forrest Gump’, “expat is as expat does”. Personally, I never loved the term ‘expat’ (which is the shortened form for ‘expatriate’, coming from the Latin words that mean ‘out of the fatherland’), because it is based on the assumption that people actually ‘had’ a ‘fatherland’ in the past. I don’t feel like I ever had one and I surely cannot see Italy in the nostalgic terms used by some expats. If I address my immigration status in any conversation I speak of myself as a ‘migrant’, not an expat. This is how I feel, because more or less I’ve been ‘migrating’ for two decades, travelling from one place to another. I’ve no ex-patria to go back to and I feel that now I’m actually in the country I’ve elected as my patria. Contrary to what some people believe, I always say that “I visit my family’s fatherland”, I never say “I’m going home” because I am already at home.

Furthermore, what defines ‘home’ or ‘fatherland’? The concept of patria itself could be discussed ad infinitum. It is tied with cultural background, personal identity, personal background (home, childhood, family, friends, etc.) and more other factors. From my life experience, I always felt that my region of provenance was perceived by me as my ‘birth land’, rather than Italy. Tuscany is probably the only parameter that can be used to illustrate my original customs, habits and also food taste. When I get asked if I like Italian cooking, I never know what to answer because I like Tuscan cooking and food, but not the cooking or food of all the Italian regions. I might crave to eat ‘tortelli di patate’ or ‘ballotti’ (the latter using the marroni from Mugello!), but a Neapolitan babà is as inedible as a British Christmas pudding for me. Apart from some food coming from my original region, I usually don’t have preferences in food based on where the original recipe comes from, if it’s good it’s good, if it’s disgusting I don’t eat it, simple as that.

I’m aware that many people find it difficult to discern the personal background from a wider concept of ‘state’. Nobody seems to think that many migrants feel homesick because they left ‘home’ in the broader sense of family, friends and safe refuge from difficulties and external pressures. Very often migrants don’t leave the ‘state’ itself, they leave their comfort zone. That is what many regret leaving. However, the above mentioned process implies that the migrant must have a ‘home’ somewhere…. I didn’t have that luxury, as many others did not either. If in an alternative reality I will be deported to Italy tomorrow, I’d be put together in an accommodation with asylum seekers and immigrants from Syria and other African countries, with very little hopes to find a job at nearly 44 years old and therefore survive on my own.

My Italian citizenship would not guarantee me a job or an accommodation either by itself. Sometimes I’ve heard some genius suggesting that  going back to an abusive home is always better than queuing at the local Caritas centre! First, anyone suggesting anything similar has no notion of what emotional and psychological abuse entail. Secondly, many don’t imagine that my family, Italian citizens, also were in the list at their local Caritas centre themselves after the recession (however, recent upsurges in immigration made these places overcrowded and the Caritas volunteers started to send Italians back ; my relatives never got a meal there). A return to Italy, for me, would be the same as shooting me on the spot. It took me nearly 4 decades to definitively get out of Italy and my dysfunctional family; if I’d go back many of  these efforts done in that direction would be useless. Yes, the end of life, because I’m not very interested in living in a vegetative state, sorry!

Sif home

In conclusion, homesickness and eventually a return to the mother country can also be the unhappiest and the most dreaded solution for a migrant. If there is no circle of friends or family who are glad to take you back, a country is only an impersonal system of laws, governing bodies, social and religious conventions; for migrating purposes we need to take into account how that country fares on an international scale rather than a personal one. Italy doesn’t rank higher in any list. Furthermore, there’s no such a thing as ‘land ties’ if you don’t own property and you don’t have any relationships with anyone living there. For me, who I always felt a migrant with no ex-patria (or a world citizen), ‘birth land’ first became a sort of postcard and then a memory. With time passing by, even all those memories will fade away, replaced by my present and future life events on British soil. Italy is not a reason for nostalgia at all and in the future it’ll seem to me like a yellowish, one-hundred-year old picture kept in a drawer all along.

“Home is where the heart is”

 

* * * *

Versione italiana (prologo è stato omesso perchè non parte della versione originale)

Molti expats italiani condividono all’infinito le loro opinioni sulla nostalgia della madre patria e eventualmente un ritorno in Italia. Fino al punto di farne sceneggiate ridicole e piagnucolose… Comunque, citando il film ‘Forrest Gump’, “expat è chi l’expat lo fa”. Personalmente, non ho mai amato il termine ‘expat’ (forma abbreviata di ‘expatriate’, espatriato in inglese, che viene dalle parole latine che significano ‘al di fuori della madrepatria’), poiché si basa sulla supposizione che la gente ‘avesse’ una patria in passato. Non mi sento come se ne avessi mai avuta una e sicuramente non posso vedere l’Italia nei termini nostalgici di alcuni espatriati. Ciò è come mi sento, perché più o meno sono stata una migrante per due decenni, viaggiando da un posto a un altro. Non ho nessuna ‘ex-patria’ a cui tornare e sento che adesso sono nella patria che ho eletto come tale. Contrariamente a ciò che alcuni credono, io dico sempre che “visito la patria dei miei”, non dico mai “vado a casa” perché a casa ci sono già.

Inoltre, cosa definisce ‘casa’ o ‘patria’? Il concetto stesso della patria potrebbe essere discusso all’infinito. E’ legato all’estrazione culturale, l’identità personale, le origini personali (casa, infanzia, famiglia, amici, ecc.) e molti altri fattori. Seguendo la mia esperienza di vita, ho sempre sentito che percepivo più la mia regione di provenienza come ‘terra di nascita’ che l’Italia. Probabilmente la Toscana è il solo parametro che può essere usato per spiegare le origini delle mie tradizioni, abitudini e anche il mio gusto nel cibo. Quando mi chiedono se mi piace la cucina italiana, non so mai che rispondere perché mi piace la cucina e il cibo toscani ma non la cucina e il cibo di tutte le regioni italiane. Magari mi piacerebbe mangiare ‘i tortelli di patate’ o ‘i ballotti’ (gli ultimi fatti coi marroni del Mugello!), ma un babà napoletano è per me immangiabile come il britannico Christmas pudding. Eccetto qualche cosa che proviene dalla mia regione di nascita, non ho preferenze di cibo basate su da dove proviene la ricetta, se è buono è buono, se è schifoso non lo mangio, semplice.

So che per tante persone è difficile distinguere tra le origini personali e un concetto più esteso di nazione. Nessuno sembra pensare che molti emigranti sentono nostalgia di casa perché hanno lasciato ‘casa’ nel senso più ampio di famiglia, amici e rifugio sicuro da difficoltà e pressioni esterne. Molto spesso gli emigranti non lasciano la nazione stessa, lasciano la loro ‘zona di benessere’. E’ per questo che molti rimpiangono di essere partiti. Comunque, il processo sopra menzionato implica che l’emigrante debba avere una ‘casa’ da qualche parte…. Non ho avuto quel lusso, e neppure molti altri. Se in una realtà alternativa fossi deportata in Italia domani, sarei alloggiata insieme a richiedenti d’asilo e immigrati dalla Siria e altre nazioni africane, con pochissime speranze di trovare  un lavoro a quasi 44 anni e quindi sopravvivere con le mie forze.

La mia cittadinanza italiana, da sola, non mi garantirebbe né un alloggio né un lavoro. Qualche volta ho sentito qualche genio suggerire che tornare in una casa dove c’è l’abuso è sempre meglio che fare la coda al centro locale della Caritas! Per prima cosa, qualsiasi persona che suggerisce ciò non ha un’idea di cosa comporta l’abuso emozionale e psicologico. Secondo, molti non si immaginano che anche la mia famiglia, cittadini italiani, erano pure loro nelle liste della Caritas dopo la recessione (comunque, un aumento dell’immigrazione ha fatto diventare questi luoghi sovraffollati e i volontari della Caritas hanno cominciato a rimandare gli italiani indietro; i miei parenti non ci hanno poi mai mangiato). Un ritorno in Italia per me sarebbe lo stesso che spararmi sul luogo. Mi ci sono voluti quasi 4 decenni per uscire definitivamente dall’Italia e dalla mia famiglia disfunzionale; se dovessi tornare indietro tutti gli sforzi fatti sarebbero stati inutili. Sì, fine della vita, perché non sono molto interessata a vivere in uno stato vegetativo, mi spiace!

Concludendo, nostalgia e un eventuale ritorno in patria possono anche essere la soluzione più infelice e temuta per un migrante. Se non c’è un gruppo di amici o la famiglia che sono felici di riaccogliervi, una nazione è solo un sistema impersonale di leggi, governo, convenzioni sociali e religiose; per scopi di immigrazione una determinata nazione va considerata su scala internazionale piuttosto che su quella personale. L’Italia non è in alto in nessuna lista. Inoltre, non esistono “legami alla terra” se non si possiede nessuna proprietà o non si ha nessuna relazione con qualcuno che vive su quella terra. Per me, che mi sono sempre sentita una migrante senza patria (o cittadina del mondo), la terra di nascita prima è diventata una specie di cartolina e poi un ricordo. Col passare del tempo, anche tutti quei ricordi scompariranno, rimpiazzati dagli eventi presenti e futuri della mia vita in territorio britannico. L’Italia non è assolutamente una ragione per rimembranze e nel futuro mi sembrerà come una fotografia ingiallita di cento anni fa tenuta in un cassetto.

“La casa è dove si trova il cuore”

 

 

Advertisements

5 thoughts on “Home is where the heart is

  1. Ho letto con molto interesse questo articolo, mi ha fatto riflettere parecchio. Io sono rientrata in Italia sconfitta dalla nostalgia, sbagliando. Ripartirò presto con una nuova consapevolezza…non ho una patria…il mondo è la mia casa…

    Liked by 1 person

  2. l’ho letto tutto in inglese e poi ho visto la versione italiana! meglio così, devo fare pratica con l’inglese! 😉 Ovviamente sottoscrivo tutto! per me l’Italia non è casa. Mi mancano la mia famiglia, i miei amici, la ribollita e la bistecca alla fiorentina, ma per il resto per me potrebbe scomparire! L’unica cosa bella da quando sono in UK (il termine expat mi sta sul cavolo anche a me!) è che mi godo di più Firenze. Vedendola tre volte all’anno me la posso godere come un turista. Quando il “Goverment of Canada” ha rifiutato la mia sponsorship, e che quindi sarei dovuta tornare in Italia, mi è crollato il mondo addosso. Piangevo e mi disperavo. un trauma! mi ricordo volevo che il materasso mi inghiottisse per non uscire di casa. Non volevo scontrarmi con la realtà italiana, non dopo aver vissuto sette mesi a Toronto! Sono andata da una dottoressa per farmi aiutare… infatti mi ha aiutato così bene da farmi ripartire!!!! =D e non me ne pento! Anche i miei all’inizio non volevano, ma quando hanno visto che come sono cambiata (in meglio) da quando sono qui, hanno smesso di chiedermi “quando torni?”.

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s