Archaeology A-levels won’t be available anymore.. what’s happening to England?

Hello everybody,

It doesn’t happen often that I have the chance of writing about the subjects I’m studying at university. Unfortunately, when it has happened it always was for negative reasons. It is no different this time.
This week, AQA (the organisation responsible for GCSE, AS and A levels in England) has announced that AS and A-levels in Archaeology and Art History will be suppressed in the next two years and the ;last exams will be sit in 2018. The official reason behind it was that there are not many students applying for them, hence the cancellation (see link below)

As it was for the Building Bill (that will be discussed and maybe passed in autumn), the outcome of such measures seems only one. To penalise the subjects that are not ‘hard’. If you followed Rudd’s comments at the Tory conference, you might have an idea about what cutting humanities and classical subjects means for the government ruling the United Kingdom in 2016. It means offering a narrower outlook and general education to the young generations. It means that legions of teenagers will grow up with less cultured ideas and many will probably lack critical thinking too. STEM graduates also benefit from such subjects. My husband is an engineer and values a knowledge in history and heritage as important as all the rest. So why should pupils of the future have less opportunities than their counterparts living at present?

This new direction in government policy could be addressed in a few points:

1 ) It is undoubtedly true that many humanities subjects do not always offer professional careers later on, hence they are deemed ‘useless’ or ‘unprofitable’ in the long term. This could explain why so many students preferred not to study classical studies, archaeology or history of art at A level.

2 ) However, they are a useful tool to develop critical thinking; the latter seems increasingly dangerous in a country where the politicians demonise anyone having a different identity or nationality as non-patriotic and treacherous. As of yesterday, a Tory councillor had started a petition to consider support of EU membership of the UK as treason. Thank God the imbecile was suspended later on.

3 ) Many countries do suffer from lack of scientists and engineers. A quick look to any skilled immigration list in every western country will make you regret you didn’t study a STEM subject.

The main issue I have with the last point is that not everybody is inclined to study a technical, scientific or math subject. I suffered for ages at school in Italy because Maths and me live on two different planets. Beyond simple mathematical calculus, I’m in the fog about all the rest. Main reason why my dreams of studying Astronomy were… doomed to remain dreams! I wouldn’t have gotten far, clearly😉

In conclusion, the suppression of general culture and classical studies is never a good idea and should have been encouraged instead of taking such an opportunity away from English students. An opportunity that English government is not very fussed about after its members have decided that uneducated and uncultured masses are easier to rule, this is quite evident from the Brexit referendum onwards. Strange that this line of thought comes directly from ancient governments and politics; funny that the above mentioned members of Parliament probably enjoyed to be educated in Classical studies only to realise that the plebs should not learn what they did.

Merlin x



Studenti italiani post-Brexit: ma che c…o ci venite a fare in Inghilterra?

Ciao a tutti,

Breve post incazzatissimo, mi ci vuole lo sfogo.

Dopo un tira e molla di quasi 4 mesi, lo Student Finance England e’ arrivato alla conclusione che durante il mio matrimonio io sia stata ‘illegale’ in UK dal 2011 e che quindi se non dimostro che lavoravo con payslips e P60s, non ho chiaramente diritto ad avere uno student loan (che peraltro ho avuto continuativamente dal 2014!!). A parte che il concetto di legalita’ non esisteva nemmeno per ogni cittadino EU prima del referendum ma…. come farebbe il mio matrimonio ad essere valido se non vivendo insieme?!?! Mio marito paga le bollette e il mutuo e io…. non ero legale ad usufruire di cio’?

Pazzesco, folle. Queste sono decisioni personali, se a tutte e due le parti della coppia (indipendentemente dalle loro country of birth) decidono che va bene, lo stato non dovrebbe entrarci!! Oppure e’ questo un sottile messaggio che si stanno preparando a separare le famiglie, come implicitamente ‘ventilato’ dall’home secretary Rudd? Perche’ nascere British e’ un privilegio ma diventarlo significa che sei un cittadino di seconda classe?

Chiaramente, gli stronzi dello staff allo SFE devono avere ricevuto circolari simili a quella che hanno ricevuto i genitori dei bambini nelle scuole, cioe’ total crackdown su chi e’ nato in un altro paese! E qui faccio una correzione, le forms dove era indicata la country of birth non erano molte (piu’ che altro quelle statali) e quindi qualsiasi persona che dice il contrario o non e’ informata bene o non se ne ricorda.

Che in Inghilterra la xenofobia sia stata legalizzata dal 23 Giugno e’ ormai un fatto accettato. La cosa fastidiosa e’ la moltitudine di persone che nega il fatto ‘ma e’ tutto come prima’. No, non lo e’!! Polacchi e cechi ammazzati o picchiati non sono normale routine in Inghilterra; chi considera certi fatti e dice ‘ma qui si sta bene e in fondo non e’ toccato a me’, come essere umano deve avere la dignita’ sotto i piedi.
Eh si, fanno fuori gli altri… e chi se ne frega, no?

Che pezzi di merda st’inglesi. Voglio tornare in Scozia, magari saranno freddini ma non rischio di essere fatta fuori da clown impazziti, Ukippers fuori di testa o giusto xenofobi che scambiano il mio accento per uno dell’Est Europa (gia’ successo, questo!).


P.S. sto cercando di contattare press outlets in UK, per vedere se faccio arrivare la mia voce piu’ in alto.


Brexit Britain: how to make foreigners feel unwelcome in 10 easy steps


Disclaimer: the owner of this website is a EU citizen living in UK. She has all the right to be angry so forgive the scathing, harsh or sarcastic tone of this article (and others) concerning this topic.


  1. Inundating the locals with constant propaganda about how the immigrants are all stealing jobs from the locals, driving down wages and scrounging benefits. Top it up with press owned by a magnate who has Britain’s best interests at heart (lol)

  1. Putting them in opposition to locals, that only by virtue of being born in a certain country need to be privileged over anyone else (this model refers to Spartan oligarchic system, where Spartans males were above everyone else; all the others, of any nationality and genders, were subdivided in classes, in order of non-importance until slave-level). If possible add some demonisation of such group, see point one.

  1. Making them feel second-class citizens, using manipulative tactics like setting them apart from the other workers asking their employers to provide lists; if they naturalise, they will still be second-class citizens because nobody can change their country of birth. Once you receive backlash for that, just make everybody believe you abandoned the idea whilst in reality you only made the lists secret.

Foreign worker list branded ‘modern-day yellow star’


  1. Asking with a total air of innocence that their children be listed in a school questionnaire (affectionately called ‘census’ by the Ministry of Education’), by country of birth and not just nationality, in order to set their children apart from the British born and bred too.

  1. Asking the future mums to provide passports at their first appointment with a midwife,avoiding that the mothers pollute the perfect British pool gene with foreign blood and trying to prevent the baby getting legitimised as British once born

  1. Taking their pensions off them, even if they paid taxes for 40 years in several EU countries

  1. Telling doctors with degrees in medicine that they will be considered useful and not expendables, until the new generation of medical staff born in Britain kicks them in the curb and makes them useless. Then they will be ready for immediate deportation

  1. Having gangs of morally cracked and xenophobic youngsters roaming the streets in order to catch unguarded foreigners speaking their own languages and beat them up

  1. Encouraging xenophobia at state level declaring that if you think you are a citizen of the world, well you don’t actually belong anywhere – so piss off from Britain too, if possible

Citizens of the world, beware: The British government doesn’t think you should exist

  1. Taking off their already acquired rights to reside and work in a country just because you’ve a crapload of your own citizens who want to stay on the dole; then treat them like hostages in negotiations


Cherry on the cake, a lovely selection of comments from the local populace having fun in dehumanising the foreigners:






What’s not to love about this country? In the end “Arbeit macht frei”, right?


Bye for now,

Merlin, correspondent from xenophobic Britain.


Other links:





Merlin’s Travels: Padstow, Cornwall U.K.

Hello everybody,

I have been away for far so long that I actually forgot what I was writing about before Brexit and the craziness that surrounds the deadline of any of my assignments. It’s bound to get worse because I can barely keep track of what is happening at home, let alone the rest. But I promise I will write something for the blog every now and then. So… I want to re-start my travelling posts and I feel sorry I interrupted the Cornish series. Well to make you feel better about your day I am going to post a few pictures of the beautiful Cornish town Padstow, a place we really loved and where we would like to go back in the next few years. God knows when we will have a holiday and… will we be in UK or not? Well enjoy the pics and if you are staying in North Cornwall don’t miss Padstow!! (P.S. Very sorry these pics are the only ones available to you, unfortunately I have not a FB page anymore after the whole account went into the bin because of post-Brexit hate…)









See you soon!! I hope to publish the post about Eden project and the closing post about Cornish food next two weeks!!

Merlin x


Still alive, just studying

I’ve been off for a while from the blog. First the Brexit disentanglement, second the university books were requiring my presence so…. well, no time to write or even check the drafts I had written!

Well not many news anyway. So from September 1st, expect 1) pictures 2) some rants 3) a book.

And don’t forget to check what my kitties are up on Instagram too🙂

Exciting times ahead!!🙂

Brexit per italiani – seconda puntata

Ciao a tutti!!

Mi scuso per i pochi aggiornamenti dal precedente post, ma pure io ho passato l’ultimo mese in completa confusione come milioni di altri britannici e non. Anche se al momento ci sono ancora poche cose che sembrano accuratamente definite riguardo al gran casino chiamato ‘Brexit’, però sicuramente si può cominciare a lavorare verso il futuro.

Mi sono decisa a scrivere un nuovo articolo dopo aver attestato la totale mancanza di messaggi, annunci, articoli (tranne i soliti a sfondo politico!) e pure un solo piccione viaggiatore da parte italiana. Le autorità italiane ‘ci’ hanno completamente dimenticato, a parte nell’incontro di ieri tra Renzi e il primo ministro inglese Theresa May. Un fatto che è stato ribadito da May a Renzi ieri è che NON ci sono assicurazioni di nessuna sorta per i cittadini italiani (o EU, in generale).

Questo lo voglio sottoscrivere poiché, dopo aver letto qualche commento online di italiani su forums o social media, pare non essere entrato nella testa di nessuno. Vediamo se viene capito da tutti se lo scrivo in lettere maiuscole e in grassetto:


Mi sembra inutile ribadirlo ma … “EU citizens” include i cittadini italiani! Quindi nessuno vi sta guarantendo da parte del governo inglese che dobbiate rimanere. La May, al di là di quel che si dice, è abbastanza convinta che un Brexit ci sarà. Senza andare in analisi disfattiste senza senso stile sceneggiata melodrammatica all’italiana, molto più semplicemente prendete le dovute precauzioni per non farvi trovare impreparati, simple as that.

  • LAVORATORI DA PIU’ DI 5 ANNI (e meno di 6) in UK con contratto permanente

Fatevi la Permanent Card. Costa 65 sterline, quindi non è la fine del mondo spendere una cifra modica per mettervi al sicuro da eventuali ‘sviste’ xenofobe del governo. La Permanent Card ( serve a definire il vostro stato di cittadino europeo perché il governo inglese a Ottobre 2015 ha ratificato che i cittadini EU devono esercitare i diritti di residenza permanente tramite l’appartenenza all’EEA/EU facendo appunto tale carta. Non farla adesso è sciocco o vi potreste trovare a far inutili file quando Brexit verrà ratificato o addirittura quando l’art. 50 viene invocato. Ho visto qualcuno dire che è bene fare anche l’iscrizione AIRE. A parte il fatto che l’ho fatta subito 7 anni fa, comunque farla vi mette al riparo da eventuali multe da parte dell’Agenzia dell’Entrate quando l’Home Office britannico incrocerà i documenti con quelli in possesso dell’ambasciata italiana. Non interferisce con la Permanent Card però, perché ai fini della PR vale solo il vostro periodo lavorativo; se eravate senza lavoro dovete dimostrare che avevate abbastanza fondi per mantenervi da soli.

  • LAVORATORI DA PIU’ DI 6 ANNI in UK con contratto permanente

Potete farvi la cittadinanza britannica. Al di là del costo (esorbitante), se avete dei risparmi per farlo e avete anche i requisiti richiesti, FATELA. Ciò vi mette al riparo da eventuali brutte sorprese future e non vi fa neppure perdere la cittadinanza italiana. Vi ricordo che gli accordi tra le due nazioni in materia di cittadinanza non hanno nessuna attinenza con l’EU e quindi la ‘dual citizenship’ rimarrà in vigore, Brexit o non-Brexit. Una postilla: dovete obbligatoriamente fare anche la Permanent Card per chiedere la cittadinanza, più Life in the UK test e test in inglese approvato dall’Home Office. Se siete laureati in Italia o altrove e avete traduzione del Naric, c’è una casistica diversa. È scritto nei guide & the booklet for naturalisation. Per entrambi potete fare il download dal sito governativo.

  • LAVORATORI DA MENO DI 5 ANNI, con o senza contratto permanente

Questa è la categoria più incerta da definire. Non ci sono documenti che attestino la vostra permanenza qui, escluso quelli lavorativi chiaramente. Se siete qui da almeno tre anni, aspettate 2 anni e fatevi la permanent card. Se siete qui da meno di 3 anni, sarete un po’ in balia del vento e di ciò che viene stabilito negli accordi…. Accordi che sono avvolti nella nebbia al momento.

  • STUDENTI UNIVERSITARI che hanno già iniziato un corso di laurea

E’ un problemone. Perché’ zitto zitto il governo britannico ha istituito anche una Permanent Card per studenti EU che sono iscritti all’università in UK. È OBBLIGATORIO avere l’assistenza sanitaria privata se non avete mai lavorato su territorio UK e siete segnati solo come studenti. ( ). Se non l’avete e pensavate che automaticamente eravate nell’NHS, beh sbagliato… Se siete ancora segnati all’ASL italiana e pensavate che ciò bastasse per garantirvi qualcos’altro oltre che i servizi di emergenza, beh sbagliato… Insomma, questa è stata una poco-pubblicizzata pugnalata alla schiena per tutti gli studenti. L’SFE (Student Finance England) pure garantisce i fondi per le tuition fees solo fino al compimento dell’anno universitario 2017/2018 per i cittadini EU. Io sono addirittura nel loophole di tale legge, perché sono sposata a un cittadino britannico il cui lavoro provvede assistenza sanitaria privata che copre pure me. Peccato che i cittadini britannici non sono compresi nella lista di chi può essere sponsor di uno studente EU!!! Quindi personalmente ho solo opzione di diventare cittadina britannica ma cosa succede a chi l’opzione non ce l’ha?


Se non avete già in mano un contratto permanente con almeno 20-25,000 sterline lorde all’anno… scusate ma chi ve lo fa fare?? Perché’ la burocrazia italiana sembrerà un giochetto in confronto alla babele di documenti che dovrete presentare qui in UK da ora in poi. Non molto dissimile dai visti australiani, canadesi e statunitensi, VERO. Ma preparatevi a ciò da qui in avanti perché il Brexit è stato deciso in modo esponenziale dal voto che riguarda il fattore immigrazione dall’Europa. Questi controlli fanno felici i locali, che non vogliono essere invasi da gente non qualificata che (secondo loro) uccide il mercato del lavoro per i locali.

Se avete bisogno di ulteriori informazioni, commentate sotto l’articolo e provvederò un indirizzo email🙂

Alla prossima,